Ven. Lug 19th, 2024

Dalla metà di ottobre il nord est della Cina, è interessato dalla diffusione di due virus, il virus respiratorio sinciziale e quello del covid-19 e un batterio il “Mycoplasma pneumoniae”, che causa polmoniti stagionali in particolare nei bambini. I numeri non sono ancora precisi, ma molti ospedali avrebbero gia finito i posti letto per i piccoli pazienti. L’epidemia avrebbe in queste ultime settimane raggiunto anche il sud della Cina, con ospedali occupati anche da adulti, mentre molte scuole sarebbero chiuse, in via precauzionale. Ma a quanto pare non si tratta di dover fronteggiare una nuova crisi sanitaria, in quanto la Cina si sta già mobilitando per evitare i vecchi errori, memore della scorsa pandemia. Si invita la popolazione a vaccinarsi, e allo stesso tempo si favoriscono le cure domiciliari per evitare di intasare gli ospedali. Infatti è passato giusto un anno dalla rimozione di tutte le misure anti-covid, e l’esperienza ha insegnato tanto sulla gestione delle emergenze. In Italia, per ora non c’è allarme << Ho sentito vari ospedali pediatrici a partire da quelli di Roma – Informa Francesco Vaia, direttore generale delle Prevenzione sanitaria del Ministero della salute- dove abbiamo zero casi di polmonite>>. Per ora dunque non esiste un pericolo in Italia, anche se l’OMS attende che Pechino chiarisca bene la portata di questa epidemia.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *