Sab. Lug 13th, 2024

La corte internazionale di giustizia, principale organo giudiziario delle Nazioni Unite, ha appena iniziato udienza all’AjaE’, sull’accusa di genocidio mossa ad Israele. La guerra nella striscia di Gaza, scatenata dal massacro di Hamas del 7 ottobre, ha finora ucciso oltre 23mila palestinesi. L’accusa è mossa dal Sudafrica contro lo stato ebraico ed è basata sul fatto che <<Israele ha commesso, sta commettendo e rischia di continuare a commettere atti di genocidio contro il popolo palestinese a Gaza>>. L’istanza, che ha provocato l’indignazione di Israele e diverse reazioni internazionali, è stata presentata il 29 dicembre scorso. L’accusa è di violazione della Convenzione contro il genocidio ratificata nel 1950. Nelle 84 pagine presentate all’Aja spicca che <<gli atti e le omissioni di Israele rivestono carattere di genocidio perché accompagnano l’intento specifico richiesto di distruggere i palestinesi di Gaza in quanto parte del gruppo nazionale, razziale ed etnico più ampio dei palestinesi>>. Inoltre Israele è accusato davanti alla Corte di giustizia di non adempiere <<ai suoi obblighi di prevenire il genocidio>> né a quello di <<perseguire i responsabili dell’incitamento diretto e pubblico a commettere genocidio>> come esige la Convenzione stessa.  Il Sudafrica chiede dunque di imporre a Israele di cessare le uccisioni e <<i gravi danni fisici e mentali inflitti>> ai palestinesi di Gaza e di consentire l’accesso agli aiuti umanitari nella Striscia. Dall’altro lato Israele giudica infondate tutte queste accuse, ed ha affidato al proprio team di avvocati tra cui il britannico Malcolm Shaw, il compito di spiegare le ragioni della guerra di Israele nella Striscia. Stati Uniti e Gran Bretagna sono ufficialmente schierati al fianco di Israele
Secondo i giuristi, la Corte può <<indurre Israele a consentire gli aiuti umanitari nella Striscia, avviare un’inchiesta indipendente o consentire ai palestinesi sfollati di tornare nel nord di Gaza>> e, allo stesso tempo è possibile <<che la Corte concordi con le richieste del Sud Africa ed emetta una sorta di ingiunzione contro Israele>>.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *