Ven. Lug 19th, 2024

<<Le parole rivolte dal Sindaco ad Orazio Mannarino sono inaccettabili. Le accuse a lui indirizzate sono altamente lesive della sua storia, che in città tutti conoscono.Se Pellegrino siede sulla sua poltrona dovrebbe ringraziarlo, e invece persevera nell’atteggiamento di chi guarda il resto del mondo con superbia e superiorità!>> Inizia così il comunicato del circolo PD cittadino, che sarebbe inoltre al corrente
di litigi frequenti tra Sindaco e alcuni altri consiglieri di maggioranza. Quella stessa maggioranza che non si riunisce dal mese di maggio, e che, a quanto pare si discosta dai metodi scelti. << Un cerchio magico composto da pochi componenti dell’amministrazione si è sostituita a questa. La democrazia che cede il posto a periodici monologhi!>>. Il nervosismo che aleggia nella casa comunale pare <<non sia dovuto esclusivamente ai conflitti interni alla maggioranza, alla incapacità di ottenere risultati significativi>>. Oltre alla riconsegna delle deleghe da parte di un consigliere delegato anche altri pare si stiano apprestando a distinguersi da una maggioranza in affanno. <<A loro noi continuiamo ad appellarci per accorciare i tempi di questa agonia che male sta facendo alla nostra bella cittadina.>> . Un appello infine viene rivolto al gruppo <<Cambiamo rotta.>> e a quello di Socievole che benché si presentava<< essere alternativo a questa maggioranza >> ha mantenuto << un silenzio assordante rispetto ad un atto così forte, come quello che ha fatto Mannarino>> un atteggiamento assurdo il loro, secondo il PD che li invita a prendere una posizione perchè <<Amantea e Campora non meritavano tutto questo. Da troppo tempo – da quando è stata inventata la favola della luna – la fantasia supera la realtà.
La città ha bisogno di rimettere i piedi per terra. Ciò che è stato venduto come un sogno si è rivelato un incubo.Ai consiglieri che stanno meditando le loro sagge decisioni in favore delle nostre comunità chiediamo di gettar via il rospo dal cuore. Avranno la riconoscenza della città.>>

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *