Sab. Lug 20th, 2024

Paola- Ancora un episodio di violenza ai danni della polizia penitenziaria, a farne le spese questa volta il personale della casa circondariale di Paola. All’interno della struttura carceraria un detenuto di origine rumena sarebbe andato in escandescenza, iniziando a distruggere la cella, gettando tutto nel corridoio e, addirittura, dando fuoco ai propri effetti personali minacciando di farlo anche sulla propria persona.Il peggio è stato evitato proprio grazie all’intervento della polizia penitenziaria, che ha prontamente spento il principio di incendio, e sposando il detenuto in un altro reparto. Ma la tensione non è scesa, in quanto il detenuto ad iniziato a minacciare il personale con una lametta, e, per sedare la tensione un agente è caduto a terra restando ferito. Questo è solo l’ennesimo episodio di violenza perpetrato ai danni del personale penitenziario. A tal proposito, stigmatizzando i numerosi eventi di questo genere, il segretario generale Sappe, Donato Capece, afferma << ci vuole una completa inversione di rotta nella gestione delle carceri regionali. Facciamo appello alle autorità politiche regionali e locali: in carcere non ci sono solo detenuti, ma operano umili servitori dello stato che attualmente si sentono abbandonati dalle istituzioni.>>

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *