Ven. Lug 19th, 2024

Cosenza- Le dimissioni del primario del Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Cosenza, Pietro Scrivano, hanno sollevato preoccupazione tra i vertici politici locali. In una nota congiunta, i consiglieri regionali Davide Tavernise del M5S, Domenico Bevacqua e Franco Iacucci del Pd hanno espresso gratitudine per il lavoro svolto da Scrivano, mentre hanno evidenziato la situazione critica che ha portato alle sue dimissioni.

I consiglieri regionali hanno sottolineato che le dimissioni del primario rappresentano un segnale inequivocabile di un disagio insostenibile presso l’Ospedale Civile di Cosenza. Tale disagio coinvolge non solo gli operatori sanitari, ma anche i pazienti che si trovano a dover affrontare una situazione sempre più difficile.

Nel corso di una visita ispettiva all’azienda sanitaria due mesi fa, i consiglieri hanno avuto l’opportunità di constatare di persona le criticità presenti nella struttura ospedaliera. Hanno evidenziato che tali difficoltà compromettono il diritto alla cura dei cittadini e che non si riesce a programmare adeguatamente un miglioramento del servizio sanitario pubblico.

Inoltre, hanno ribadito al Commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera Vitaliano De Salazar le priorità che ritengono necessarie da affrontare. Tra queste, il potenziamento della rete dell’emergenza-urgenza e della medicina di prossimità e del territorio. Sottolineano che questi due aspetti devono essere gestiti parallelamente al fine di garantire risposte adeguate alle esigenze dei cittadini.

Infine, nella nota i consiglieri hanno manifestato delusione per l’assenza di miglioramenti significativi nonostante gli annunci e hanno criticato il presidente Occhiuto, anche commissario alla sanità in Calabria, sottolineando che nonostante gli annunci, la situazione sembra essere rimasta immutata. Hanno infine evidenziato che nel frattempo il governo ha inflitto nuovi e pesanti tagli al sistema sanitario, aggravando ulteriormente la situazione.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *