Ven. Lug 12th, 2024

Fuscaldo- Il pittoresco comune di Fuscaldo, situato sulle coste incantate della Calabria, si sta trasformando in un’arena gastronomica internazionale grazie al crescente coinvolgimento di una delegazione giapponese di chef, imprenditori ed esperti di gastronomia provenienti dall’isola di Ibuki. Questa collaborazione promette di portare nuove opportunità e visibilità al tradizionale Festival delle Alici, un evento che celebra la cultura della pesca e della cucina locali.

Ieri, il sindaco Giacomo Middea ha accolto calorosamente la delegazione giapponese composta da Yusuke Taguchi, Naoyoshi Itani, Eri Sawai e Ruysuke Ota presso il Municipio di Fuscaldo. Questo incontro segna una tappa importante in un percorso iniziato mesi fa ad Altomonte, dove grazie all’intermediazione dell’agrichef Enzo Barbieri, figura chiave nel panorama gastronomico locale, è stata gettata la base per questa proficua collaborazione.

Successivamente, gli ospiti sono stati guidati in una degustazione guidata di alici, organizzata dall’associazione Pro Fuscaldo e dal rinomato maestro Mimmo Rosselli. Questo momento di condivisione culinaria ha permesso alla delegazione giapponese di immergersi ancora di più nella tradizione e nel sapore delle prelibatezze locali.

L’iniziativa, oltre ad arricchire il patrimonio gastronomico di Fuscaldo, promette di avere ripercussioni significative sul tessuto sociale ed economico della regione. Si prevede che, nel giro di pochi mesi, si darà il via a una serie di iniziative strategiche volte a promuovere il marchio delle Alici di Fuscaldo e del Festival delle Alici a livello internazionale.

Il Festival delle Alici è destinato a diventare una vetrina globale per la cucina locale e per le tradizioni di pesca, trasformando Fuscaldo in una destinazione ambita per gli amanti del cibo di tutto il mondo. Questa sinergia tra Italia e Giappone rappresenta un esempio tangibile di come la passione per il cibo possa superare le barriere culturali e geografiche, unendo le persone attraverso il gusto e la condivisione.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *