Mer. Lug 24th, 2024

Roma – Grandi novità in arrivo per i cittadini italiani sul fronte della sanità digitale. Entro dicembre, il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) diventerà pienamente operativo, offrendo una serie di nuove funzionalità che rivoluzioneranno l’accesso ai servizi sanitari. Lo ha annunciato il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio per l’Innovazione, Alessio Butti, durante la conferenza stampa per la presentazione del nuovo logo del FSE 2.0.

Il sottosegretario ha spiegato che entro la fine del 2024 saranno disponibili quattro nuove funzioni chiave: il pagamento dei ticket sanitari, la prenotazione di visite ed esami, la scelta o revoca del medico, e la consultazione dei referti, compresi esami e diagnostica per immagini. Queste innovazioni rappresentano un passo significativo verso la digitalizzazione completa del sistema sanitario, rendendo più semplice e accessibile per i cittadini la gestione della propria salute.

Quattro nuove funzioni per semplificare la vita dei cittadini

Il nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico permetterà agli utenti di eseguire diverse operazioni direttamente online, senza dover necessariamente recarsi presso le strutture sanitarie. Ecco le principali novità:

  1. Pagamento dei ticket sanitari: I cittadini potranno pagare i ticket per le prestazioni sanitarie direttamente dal proprio fascicolo, facilitando il processo di pagamento e riducendo i tempi di attesa.
  2. Prenotazione di visite ed esami: Sarà possibile prenotare appuntamenti per visite mediche ed esami diagnostici direttamente online, garantendo un accesso più rapido e comodo ai servizi sanitari.
  3. Scelta o revoca del medico: Gli utenti potranno scegliere o cambiare il proprio medico di base attraverso il FSE, semplificando il processo di selezione e offrendo maggiore flessibilità.
  4. Consultazione dei referti: I risultati di esami e diagnostica per immagini saranno consultabili direttamente nel fascicolo, rendendo più facile per i cittadini monitorare la propria salute e avere accesso ai propri dati clinici in qualsiasi momento.

Intelligenza artificiale e interoperabilità: il futuro del FSE

Un aspetto particolarmente innovativo del nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico è l’integrazione dell’Intelligenza Artificiale (IA), che contribuirà a migliorare l’interoperabilità del sistema tra le diverse regioni e persino tra Stati. “Con l’ausilio dell’IA si implementerà l’interoperabilità del Fascicolo tra regioni, ma anche tra Stati, potendo inoltre personalizzare le terapie e ragionare sugli scenari futuri”, ha sottolineato il sottosegretario Butti.

L’IA permetterà di analizzare i dati sanitari dei cittadini in modo predittivo, generando avvisi in caso di anomalie o potenziali rischi per la salute. Questo approccio non solo faciliterà la prevenzione e la diagnosi precoce di malattie, ma permetterà anche di personalizzare le terapie in base alle esigenze specifiche di ogni paziente. “Nell’ambito del FSE, l’IA sarà importante ed il suo utilizzo consentirà una capacità predittiva rispetto alla situazione sanitaria e clinica del cittadino,” ha spiegato Butti, evidenziando come l’intelligenza artificiale possa diventare uno strumento fondamentale per migliorare la qualità della cura e ridurre i costi sanitari.

Un passo avanti verso la sanità del futuro

Il lancio del Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0 rappresenta un passo importante verso una sanità più moderna e accessibile. Grazie alle nuove funzionalità e all’integrazione dell’intelligenza artificiale, il FSE diventerà uno strumento essenziale per la gestione della salute dei cittadini, facilitando l’accesso ai servizi e migliorando la qualità delle cure.

Il sottosegretario Butti ha concluso la conferenza stampa sottolineando l’importanza di questa trasformazione digitale: “Il FSE 2.0 è una rivoluzione per il sistema sanitario italiano, che permetterà di offrire servizi più efficienti e personalizzati ai cittadini, garantendo al contempo una maggiore trasparenza e una gestione più efficace delle risorse.”

Con l’avvento del Fascicolo Sanitario Elettronico 2.0, l’Italia si prepara a entrare in una nuova era della sanità digitale, offrendo ai cittadini strumenti avanzati per prendersi cura della propria salute in modo più semplice e diretto.


Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *