Mer. Lug 24th, 2024

Acquappesa – Alla vigilia della convocazione del primo consiglio comunale della nuova consiliatura, emerge un comunicato accorato e pungente da parte del gruppo politico “Siamo Acquappesa”. Con toni riflessivi e critici, questo gruppo ha espresso la propria delusione per l’esito delle recenti elezioni, che hanno visto la riconferma del sindaco uscente e del gruppo “Insieme”, nonostante il malcontento diffuso tra i cittadini.

Il Dissenso e la Delusione dei 319 Cittadini

“Siamo Acquappesa” rappresenta 319 cittadini che, con il loro voto, hanno espresso il rifiuto verso il modo di amministrare di Francesco Tripicchio. Essi criticano aspramente l’attuale amministrazione per non aver saputo rappresentare adeguatamente i bisogni e le aspettative della comunità. Il comunicato denuncia come il sindaco uscente e il suo gruppo abbiano vinto con oltre 400 voti, nonostante i numerosi dissensi raccolti durante la campagna elettorale.

“Siamo Acquappesa” non esita a parlare di tradimento, non tanto nei loro confronti, quanto verso i 319 elettori che speravano in un cambiamento. La delusione è rivolta anche agli altri contendenti, in particolare al gruppo “Liberamente”, che ha ottenuto 320 voti e che è stato all’opposizione nella scorsa legislatura. “Siamo Acquappesa” accusa Sandra Ricco e Mauro Avolio di non aver saputo unire il paese e di aver creato ulteriori divisioni, aggravando la situazione politica e sociale.

Critiche ai Contendenti e Alla Classe Politica Locale

Un aspetto rilevante del comunicato è la critica verso il gruppo “Liberamente” e il suo leader, che viene accusato di aver agito per interesse personale piuttosto che per il bene comune. Viene evidenziato come il candidato a sindaco, Mauro Avolio, abbia annunciato la propria candidatura senza alcun confronto democratico, dimostrando una mancanza di rispetto per il dibattito pubblico e per i cittadini stessi.

“Siamo Acquappesa” denuncia inoltre il comportamento dei politici che hanno sempre puntato il dito contro gli altri, senza mai fare un’analisi critica del proprio operato. Questa attitudine, basata su lotte personali e sull’affermazione di una supremazia intellettuale, ha portato solo a una frammentazione politica e sociale, senza mai approdare a risultati concreti.

Un Appello alla Responsabilità e alla Coesione

Nonostante la delusione, il comunicato non si chiude con un messaggio di rassegnazione. Al contrario, “Siamo Acquappesa”, guidata da Fernando Mancino, esprime il proprio impegno a continuare a lottare per il bene del comune. Decidono, con rammarico, di aderire alle iniziative della minoranza consiliare, non perché si sentano parte del “circo” politico, ma perché vogliono evitare che la loro voce venga strumentalizzata dai due gruppi avversari.

Un Monito per il Futuro

Il gruppo conclude il comunicato con un appello ai concittadini: nei prossimi cinque anni, essi avranno la possibilità di valutare le azioni di chi è stato eletto e di capire se le promesse fatte saranno mantenute. “Non vi salutiamo,” dicono, “perché saremo sempre pronti ad ascoltarvi, senza preconcetti o vincoli di appartenenza.”

Un Impegno per Acquappesa

Il messaggio finale è chiaro: nonostante le difficoltà e le delusioni, c’è la volontà di non arrendersi e di continuare a lottare per il bene comune. “SiAMO ACQUAPPESA”, riflette un senso di appartenenza e di responsabilità verso la comunità, invitando tutti i cittadini a unirsi in un impegno condiviso per un futuro migliore.


Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *