Gio. Lug 25th, 2024

San Pietro in Amantea – Un importante passo avanti nel settore dei servizi sociali è stato compiuto dal Comune di San Pietro in Amantea, grazie a un nuovo progetto che vede la collaborazione con l’associazione “Ra.Gi.”. Il sindaco Gioacchino Lorelli ha espresso grande fiducia in questa iniziativa, che non solo permetterà il recupero di un immobile un tempo destinato a scuola e residenza per anziani, ma consentirà anche di fornire assistenza alle fasce più deboli e bisognose della comunità.

Il progetto, curato dal segretario comunale Fedele Vena, prevede la concessione dell’edificio all’associazione “Ra.Gi.”, con l’obiettivo di replicare l’eccellente modello operativo già sperimentato con la “Casa Paese” di Cicala, in provincia di Catanzaro. “Il lavoro quotidiano e costante dell’associazione – ha dichiarato il sindaco Lorelli – ha permesso di creare una casa che fornisce supporto e aiuto alle persone afflitte da problemi di demenza. Questo progetto, sviluppatosi negli anni, ha generato un modello d’eccellenza. L’esecutivo che mi onoro di guidare si è sempre mostrato sensibile verso queste tematiche, aprendo e coltivando interlocuzioni con tutti gli enti preposti. Oggi ci apprestiamo a raccogliere i frutti di tale agire. L’immobile, ampio e in parte già pronto all’uso, si trova tra il comune e la chiesa della Madonna delle Grazie e, con alcuni interventi, sarà reso disponibile per aiutare e supportare pazienti e famiglie”.

L’associazione “Ra.Gi.”, nata a Catanzaro nel 2002, opera nel settore socio-sanitario con l’obiettivo di tutelare e promuovere la salute psico-fisica individuale e collettiva, offrendo servizi qualificati orientati alla prevenzione, educazione, terapia e cura. “Nel 2007 – spiega la presidente dell’associazione, Elena Sodano – grazie all’approvazione del progetto ‘Soli Mai Più’ da parte del Ministero dell’Interno, abbiamo dato vita in Calabria al primo e unico Centro diurno per la cura delle malattie neurodegenerative, lo Spazio Al.Pa.De. (Alzheimer, Parkinson e Demenze), spostando l’accento della cura da un aspetto prettamente assistenziale a una visione più esistenziale della malattia. Da lì in avanti è stato un susseguirsi di attività ed esperienze. San Pietro in Amantea è un nuovo avvio che diventerà presto un esempio”.

Il progetto rappresenta una significativa opportunità per San Pietro in Amantea, rafforzando il ruolo del comune nel settore dei servizi sociali e offrendo un prezioso supporto alle famiglie e ai pazienti affetti da malattie neurodegenerative.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *