Gio. Lug 25th, 2024

Guardia Piemontese – Il lungomare di Guardia Piemontese versa in una situazione di pericolo a causa dei danni provocati dalle mareggiate invernali. Nonostante l’imminente arrivo della stagione turistica, le riparazioni necessarie non sono state ancora effettuate, suscitando preoccupazione tra residenti e visitatori.

Durante l’inverno, una serie di mareggiate ha danneggiato gravemente il lungomare, lasciando ringhiere pericolanti e strutture compromesse. La situazione è diventata critica con l’avvicinarsi della stagione estiva, periodo in cui il lungomare è frequentato da numerosi turisti.

A seguito delle numerose segnalazioni ricevute, il gruppo di opposizione consiliare “La città del Sole”, composto da Antonella D’Angelis, Francesco Pietramala e Andrea Muglia, ha sollecitato l’intervento delle autorità. I vigili urbani sono intervenuti, ponendo segnali di pericolo per avvisare i cittadini dei rischi presenti sul lungomare.

La preoccupazione è aumentata ulteriormente dopo un incidente avvenuto pochi giorni fa, quando un bambino di tre anni è rimasto gravemente ferito dopo essere stato schiacciato da un pesante cancello di un lido. Questo grave evento ha evidenziato ancora di più la necessità urgente di interventi di manutenzione e sicurezza.

I turisti hanno espresso il loro disappunto per lo stato di degrado del lungomare. “La manutenzione si fa prima di aprire la stagione, lo sanno pure gli stupidi che il sale mangia tutto. Ma come sempre deve succedere prima qualcosa,” ha lamentato una turista, riassumendo il sentimento di frustrazione diffuso tra i visitatori.

La situazione sul lungomare di Guardia Piemontese richiede interventi urgenti per garantire la sicurezza dei residenti e dei turisti, che, grazie alla presenza delle sorgenti termali, sono in costante aumento. Le istituzioni locali sono chiamate ad agire rapidamente per riparare i danni e prevenire ulteriori incidenti, assicurando che la stagione turistica possa svolgersi in condizioni di sicurezza e decoro.

Condividi l'articolo sui social

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *